AVVISO ALLA CITTADINANZA

LINEE OPERATIVE PER LA LOTTA ALLA ZANZARA WEST NILE

Avviso del Sindaco

Nella Regione Veneto, durante la stagione in corso, si è registrata una elevata densità di zanzare, un riscontro precoce di positività al West-Nile virus nelle zanzare vettori (Culex pipiens) ed un aumento dei casi di malattia nell’uomo, mai registrato negli anni precedenti.
Al fine di limitare la diffusione di tale fenomeno, si raccomanda tutti i cittadini residenti in Tombolo
-    di effettuare all’interno delle proprie proprietà intervento straordinario adulticida mirato all’area dell’abitazione e a tutti potenziali target posti nelle vicinanze, quali piccole aree verdi, macchie arbustive o fabbricati di servizio che possano dare rifugio alle zanzare adulte.
-    di rimuovere all’interno delle proprie proprietà focolai larvali rimovibili peri-domestici (svuotamento di sottovasi e vasche, copertura bidoni, ecc) effettuare interventi larvicidi in focolai larvali non rimovibili (caditoie, tombini, fossati, vasche, ecc).
Si riportano di seguito delle indicazioni in merito.
Sottovasi: eliminarli oppure attendere che siano completamente asciutti prima di irrigare nuovamente. Anche un pezzo di rame nel sottovaso può aiutare a condizione che lo si pulisca o lo si cambi spesso per evitare che l’ossidazione lo renda utile,
Bidoni per l’irrigazione: chiudere ermeticamente l’imboccatura per impedire agli adulti di ovideporvi. L’ideale è utilizzare un coperchio o altrimenti un telo legato con un elastico facendo attenzione a non lasciare fessure. Altrimenti si può svuotarli completamente e rovesciarli almeno una volta alla settimana al fine di eliminare tutte le larve prima che diventino adulte
Teloni di plastica: utilizzare teli leggeri che non formino tasche lasse. Distenderli in modo da non formare pieghe
Pneumatici: lo smaltimento a termini di legge è ovviamente la soluzione più efficace ma quando ciò non è possibile è necessario che siano protetti dalle precipitazioni atmosferiche e quindi che siano stoccati sotto tettoie o teloni. Nel caso degli pneumatici utilizzati nei silos di mais trinciato, negli allevamenti zootecnici, gli pneumatici possono essere forati e disposti in modo che il foro sia in posizione inferiore consentendo così l’allontanamento della pioggia. Nel caso di grandi accatastamenti di pneumatici non protetti (centri di smaltimento o riciclaggio) sarà necessario trattarli con atomizzatori almeno una volta ogni 15 giorni, utilizzando insetticidi piretroidi.
Abbeveratori e fontane: quando possibile immettervi pesci rossi o gambusie che cibandosi delle larve non ne permettono lo sviluppo. Quando questo non sia possibile possono essere trattati ogni 7 giorni con larvicidi a base di Bacillus thuringiensis nel qual caso l’acqua può essere tranquillamente utilizzata per abbeverare gli animali. Se possibile mantenerli asciutti.
Caditoie e pozzetti: è necessario innanzitutto ispezionare accuratamente il proprio giardino per individuare ogni focolaio. Sollevare ogni tombino dotato di griglie, fessure o fori per controllare se vi sia un accumulo d’acqua. Quando possibile sigillare i tombini (soprattutto nei casi di tombini di ispezione e non di sgrondo) ad esempio tappando il foro per l’inserimento del gancio di apertura. Nei tombini di sgrondo applicare una robusta zanzariera la quale deve essere regolarmente pulita (per evitare ostruzioni) e controllata (per evidenziare eventuali lesioni). Sigillare con silicone le tubazioni delle grondaie quando si inseriscono nei pozzetti e sostituire le parti di grondaia lesionate dalla ruggine. Trattare regolarmente le caditoie con insetticidi secondo le indicazioni e le tempistiche riportate in etichetta. Per le griglie dei garage individuare il pozzetto di decantazione e trattarlo con un larvicida con la tempistica indicata. Qualora questo dovesse essere interrato e quindi non raggiungibile, collocare il larvicida in prossimità dell’inizio della tubazione che vi convoglia l’acqua e rovesciarvi un secchio d’acqua affinché sia l’acqua stessa a veicolare il larvicida.
Cavi d’albero: quando possibile eseguire un foro di dimensioni appropriate perché non si ostruisca facilmente, che consenta un rapido sgrondo delle acque piovane. Quando ciò non è possibile si può riempire la cavità con sabbia o ricorrere ai trattamenti larvicidi

Trattamento larvicida – tipologia di prodotto da applicare
Caditoie. Indicativamente Diflubenzuron in formulazione liquida o compressa o altri prodotti in base ai contratti in essere.
Fossati. Prodotti a base di Bacillus thuringiensis var.isralensis in associazione o meno con Bacillus sphaericus.

Trattamento adulticida – tipologia di prodotto da applicare
Per i trattamenti adulticidi si devono utilizzare prodotti (Presidi Medico-Chirurgici o Biocide) che riportino in etichetta come campo d’impiego la lotta contro le zanzare; dovranno essere privilegiati formulati a base di piretrine naturali e piretroidi anche in associazione con piperonil butossido, senza solventi pericolosi.

Il Comune di Tombolo ha già effettuato interventi larvicidi su tutto il territorio di competenza ed effettuerà interventi di disinfestazione straordinaria adulticidi nelle aree di maggior aggregazione (sagre, scuole, parchi, ecc.) secondo le linee guida della Regione Veneto.

IL SINDACO
Andretta Cristian